Caro Battista, in fondo, eri stato avvertito…

La grande pala della Salomé con la testa di Giovanni Battista di Alberto e Fabio Fabbi, che oggi svetta nell’abside della chiesa, costituisce uno dei vertici pittorici di Fabbi: essa raggiunge una sintesi assoluta tra Purismo, Simbolismo ed Orientalismo. La posa dei personaggi e lo sguardo sprezzante della protagonista denunciano riferimenti ad un gusto per il teatro e la scenografia. Il capolavoro ha però subito notevoli peripezie …..

L’Archivio Fabio Fabbi in diretta su Ciao Radio [rassegna stampa]

Cosa ci svelano i taccuini di Fabbi? E le sue fotografie? Alcuni misteri sono stati svelati nell’importante approfondimento sull’Archivio Fabio Fabbi, questa mattina da Ilaria Chia in diretta su Ciao Radio. […]

Il Resto del Carlino – Il mistero di quei taccuini d’artista [rassegna stampa]

L’Archivio Fabio Fabbi è lieto di condividere il bell’articolo di Nicoletta Barberini Mengoli comparso giovedì 11 marzo scorso su Il Resto del Carlino dedicato all’artista bolognese e alle carte ritrovate. Troverete molte informazioni utili che approfondiscono l’argomento e segnalano qualche interessante retroscena. Gli appuntamenti di marzo non sono conclusi: si parlerà dell’Archivio anche il prossimoContinua a leggere “Il Resto del Carlino – Il mistero di quei taccuini d’artista [rassegna stampa]”

«Ti amo, ti penso, ti adoro, sono tutta tua, KISS»

Il taccuino del 1907 tesse la trama dell’innamoramento di Fabio Fabbi con una donna misteriosa di origini inglesi. La moglie? Un’amante? Noi lo sappiamo, ma abbiamo deciso di tacere questa informazione per comunicarvela tra un po’. Intanto raccontiamo le presemesse della storia e, naturalmente, qualche gossip…

Egitto, ricordi di F. Fabbi

Fu De Gubernatis il primo a citare l’album di ricordi che Fabbi fece pubblicare da Alinari appena tornato dalla peregrinazione egiziana del 1886. L’album dal titolo Egitto, ricordi di F. Fabbi, è conservato presso la Biblioteca Marucelliana di Firenze e una copia è da poco integralmente custodita presso l’Archivio Fabio Fabbi. Esso contiene sedici illustrazioniContinua a leggere “Egitto, ricordi di F. Fabbi”

Il purismo della pala del Sacro Cuore in Sant’Antonio Abate

L’imponente pala che svetta nell’altare maggiore della chiesa di Sant’Antonio Abate non è visibile abitualmente al pubblico e ripercorrerne le vicende costituisce una tappa obbligata. L’artista lavorò ad «un Sacro Cuore con S. Antonio Abate e S. Antonio Maria dei Barnabiti» per l’altare maggiore della chiesa, già segnalata da Corrado Ricci nella Guida di BolognaContinua a leggere “Il purismo della pala del Sacro Cuore in Sant’Antonio Abate”

Il legame tra Fabbi e Casalecchio di Reno

Amata da molti bolognesi, illustrata da altrettanti artisti, Casalecchio di Reno è sempre stata una meta turistica dal fascino di fine secolo. Dopo aver vissuto tra Bologna e Firenze per gran parte della sua vita, Fabbi si trasferì a Casalecchio di Reno nel 1937, nella zona della Fondazza, oggi non più esistente. La Fondazza eraContinua a leggere “Il legame tra Fabbi e Casalecchio di Reno”

AAA “Ecce homo” cercasi

Nell’autunno del 1899 Fabio Fabbi era a Varsavia per realizzare un’importante commissione pubblica (articolo proposto per Strenna Storica Bolognese 2021). Proprio a Varsavia, martedì 26 settembre, l’artista annotò sul suo taccuino «Ricevuto notizia del premio di Torino per il concorso della testa di Cristo». In effetti quell’anno aveva partecipato al “Concorso Internazionale per una testaContinua a leggere “AAA “Ecce homo” cercasi”

24 settembre 1945, ovvero “La data di morte di Fabio Fabbi”

E’ decisamente particolare inaugurare la prima news dell’Archivio Fabio Fabbi con questo macabro tema. Anche se conosco un paio di amici studiosi che sarebbero molto contenti, come l’esimio R.M. o E.B. Il lettore dunque mi voglia scusare, ma contrariamente a quanto affermano molte pubblicazioni, siti internet (e chi dice la data giusta non cita leContinua a leggere “24 settembre 1945, ovvero “La data di morte di Fabio Fabbi””